Visitare Alessandria

  • Il cuore della città è Piazza della libertà, edificata nel 1803 al posto del duomo medievale, e su cui si affacciano i principali edifici pubblici. Vi sorgono il Palazzo municipale, il Palazzo delle poste e dei telegrafi (XX sec.) ed uno dei monumenti barocchi più significativi della città, il Palazzo della prefettura e della provincia, detto anche Palazzo Ghilini. Esso fu iniziato da Benedetto Alfieri (cugino del poeta Vittorio) e si caratterizza per il vestibolo ottagonale e le ampie Piazza Garibaldi (AL)scalinate, per gli arredi e i soffitti affrescati da Giovanni Antonio Cucchi.
  • Vicino alla piazza sorge la Cattedrale, costruita nel 1810 in forme neoclassiche. Si possono ammirare gli affreschi di Luigi Morgari e le statue dei santi patroni delle 24 città della Lega lombarda.
  • Si possono visitare anche la chiesa di S. Maria del Carmine, del XV secolo, in stile gotico, e la chiesa di S. Maria di Castello, sempre del XV secolo, in forme tardo-gotiche, fu edificata su due templi più antichi. Conserva terracotte policrome del Cinquecento e un dipinto del Moncalvo.
  • Interessante esempio di architettura militare è la Cittadella, costruita per volere di Vittorio Amedeo II di Savoia nel ‘700 dall’architetto Giuseppe Ignazio Bertola.
  • Il Museo civico e Pinacoteca raccoglie varie collezioni con reperti archeologici, dipinti del XVI e XVII secolo, arazzi fiamminghi e opere dell’artista Giovanni Migliora. Inoltre vi è il Gabinetto delle stampe antiche, moderne e contemporanee. Interessante è anche il Museo del cappello, nella storica sede della famosa ditta Borsalino, che raccoglie ca. 5000 copricapi a testimonianza del secolo e mezzo di attività.
  • Nell’ex convento di S. Francesco, in via Cavour 39, si possono ammirare “Le stanze di Artù”, 15 grandi affreschi del XIV secolo rinvenuti nella torre di palazzo Trotti a Frugarolo, dedicati alle gesta di Lancillotto.
Duomo di Casale Monferrato